cambio merce pubblicitario
cambio merce pubblicitario

Link Building e cambio merce pubblicitario: un'accoppiata vincente

Esiste una tecnica di pagamento che si poteva pensare essere caduta completamente in disuso da moltissimo tempo, ovvero il baratto. In questo modo, in tempi remoti, si pagavano le merci di cui si aveva bisogno, offrendo altra merce in cambio di quella prescelta. La leggenda vuole che il primo uomo ad utilizzare il baratto sia stato un cacciatore che offrì una zanna di mammuth in cambio di una pelliccia d'orso. Se, ad oggi, sono mutate le condizioni, le caratteristiche di base del baratto (o scambio) sono rimaste pressocché invariate. Proprio su questo si basa il cosiddetto cambio merce pubblicitario, una tecnica molto utilizzata e richiesta dalle aziende che possono, in questo modo, acquistare servizi pubblicitari dando in cambio i propri prodotti, destinati successivamente ad essere venduti sul mercato (all'interno di club d'acquisto chiusi, al fine di non creare concorrenza sleale verso i più classici sistemi di vendita tradizionale).

Questa pratica ha diversi vantaggi per chi la sceglie:

  • la disponibilità di liquidità dell'azienda, innanzitutto, non subisce penalizzazioni di alcun tipo, non essendo necessario denaro liquido per il pagamento delle prestazioni richieste.
  • non si creano debiti a fine pubblicitario
  • la linea di credito dell'azienda rimane "pulita", non avendo il cambio merce pubblicitario nulla a che fare con i crediti eventualmente richiedibili dalle aziende.
  • la rotazione delle merci, poi, è garantita, assicurando anche il fatto di non veder diventare obsoleti i propri prodotti.

La pubblicità, quindi, è importantissima per tutte le aziende che hanno sempre l'esigenza di promuovere i propri prodotti o servizi facendoli conoscere ad un bacino di utenza sempre più vasta e variegata. Diverse le società presenti sul mercato che offrono alle aziende la possibilità di usufruire del cambio merce pubblicitario. Tra queste anche Seobartering.com. Uno dei servizi maggiormente richiesti a questa società sembra essere quello della link building in cambio merce pubblicitario. Ma a cosa ci si riferisce quando si parla di link building? Si tratta di una tecnica SEO volta all'incremento della quantità di link verso un determinato sito internet. Inutile dire che, in questa maniera, la popolarità del sito in questione cresce in maniera molto veloce. E' uno dei parametri (ovvero quello relativo al numero dei link) di cui il motore di ricerca tiene conto per il posizionamento di un sito all'interno dei primi posti tra i risultati di ricerca. Questi link devono necessariamente provenire da siti web dotati di grande affidabilità. Solo questi, infatti, sono considerati da Google un valore aggiunto (in merito ai parametri di riferimento). Sono scartati, invece, per le stesse regole, i link provenienti da siti creati appositamente per influenzare il posizionamento all'interno dei motori di ricerca. Per ottenere i migliori risultati, la link building deve essere il più naturale possibile (ovvero la cosiddetta link earning) e non deve essere oggetto di alcuna forzatura (come ad esempio interventi diretti da parte dei webmaster). Citare le fonti è sicuramente un buon modo di sfruttare le potenzialità della pratica del link building, sempre abbinata ai contenuti di grande qualità per il posizionamento sui motori di ricerca. In questo modo si garantiscono i risultati migliori in ambito SEO.

Sfruttare quanto più possibile la SEO (Ottimizzazione per i motori di ricerca) è di fondamentale importanza per la giusta pubblicizzazione di un'azienda e per i relativi guadagni. Più alto, infatti, è il posizionamento che si riesce ad ottenere, maggiori sono i guadagni che ci si può garantire. Tutte le potenzialità di questo servizio (la link building) sono richiedibili su Seobartering.com (previo preventivo gratuito) usufruendo dei vantaggi garantiti dal cambio merce pubblicitario. Ma, dato per scontato il ritiro della propria merce da parte del Baster (la società che propone il servizio), è possibile sapere che fine fanno questi prodotti? Naturalmente questi dovranno essere monetizzati da chi li riceve. Per fare questo verranno venduti all'interno di club di shopping chiusi e riservati a clienti accuratamente selezionati ed appartenenti alle aziende convenzionate. Questa modalità di vendita è scelta per non andare a creare concorrenza sleale al tradizionale canale di vendita.

Competere per vincere: ecco come si può riassumere in pochissimi termini la principale caratteristica del SEO. Date queste peculiarità, è normale che si cerchino tutti gli strumenti per sfruttarne al meglio le potenzialtà. E sembra proprio che con la link building si siano raggiunti risultati più che soddisfacenti, garantendo un visibile incremento della popolarità dell'azienda e dei relativi guadagni."


Blueconsultants.it è un blog italiano gratuito, REGISTRATI GRATUITAMENTE!