Bonsai
Bonsai

Bonsai: Non un passatempo ma una filosofia di vita

Quello che per molti può essere un semplice passatempo, oppure un gioco, per molti altri è una vera e propria filosofia di vita. Stiamo parlando dei famosi alberi in miniatura, detti anche bonsai.

Un bonsai non è una categoria di piante particolare: è un albero qualunque che ha subito diverse operazioni e che con il tempo è divenuto adattabile ad un vaso.

Ovviamente, hanno bisogno di una manodopera continua. Le serie di operazioni sono diverse e, anche se semplici, bisogna scegliere il momento più adatto.

Ai i principianti in cerca di ispirazione, che magari incontrano le difficoltà di chi è inesperto, vorrei mostrare questa bellissima opera d'arte.

Il bonsai si chiama "Goshin", che dal giapponese significa "protettore dello spirito" ed è un bonsai creato dal maestro John Yoshio Naka. L'impianto complessivo è composto da undici ginepri (Juniperus chinensis), piantati per la prima volta nel 1948.

Naka lo donò alla fondazione Nazionale Bonsai nel 1984 ed ora è in mostra al "United States National Arboretum".

Ecco una piccola curiosità: gli undici ginepri corrispondono ai suoi undici nipoti.

Questo bonsai è il frutto di un continuo impegno, di un amore di quest'uomo verso la pianta e la natura. Gli inesperti che si preoccupano se comprare o meno il loro primo albero, dovrebbero prima cogliere tutte le potenzialità che sono inespresse.

Coltivare un albero di bonsai non è un'azione di giardinaggio, è molto altro. La filosofia ed il vero significato sono stati tramandati per secoli e secoli, di generazione in generazione.

Ritornando a "Goshin", Naka ha iniziato a lavorare con i primi due alberi nel 1948. Ha preso la forma attuale solo nel 1964. Il tutto è ispirato da una foresta di Cryptomeria Japonica nei pressi si un santuario in Giappone.

Con il passare del tempo - e la nascita di nipoti - ha aggiunto a mano a mano diversi ginepri.

Nel 1984 Goshin è stato esposto al Philadelphia Flower Show, dove 250.000 persone hanno assistito stupiti alla favolosa composizione.

Ad oggi, è il bonsai più conosciuto al mondo.

Non è solo il bonsai più bello (e difficoltoso da mantenere) al mondo. È il sinonimo di amore, lo stesso che nutre per i suoi nipoti e la sua famiglia. Coltivare un albero di bonsai significa trasmettere il proprio amore della natura alla nostra pianta. Significa prendersene cura e non tralasciare le piccole opere di manutenzione ogni giorno.

Il bonsai non è un hobby, è un modo di pensare e di agire che contraddistingue diverse persone. Per cogliere il significato e la filosofia del bonsai puoi visitare il sito www.ibonsai.it.


Blueconsultants.it è un blog italiano gratuito, REGISTRATI GRATUITAMENTE!