ristrutturazione casa
ristrutturazione casa

Rinnovare e manutenere la nostra casa: l’approccio mentale giusto è la prima cosa

Quando entriamo in una casa, grande o piccola che sia, dovrebbe essere possibile individuare le idee di fondo che trasformano un insieme di locali in un ambiente uniformemente accogliente, legato a una famiglia specifica.
Talvolta questo non avviene perché le persone non sono abituate a vedere il luogo dove vivono come un tutto unico, ma come un insieme di scatole (le stanze) casualmente contigue.

In realtà, basta poco per dare uno stile unitario alla propria casa.
Talora, anche l'attenzione al posto, all'edificio come aspetto esterno, è già una prima tappa importante in questa ricerca di un carattere per la propria abitazione.
Ricordo una persona che scelse la sua casa dando molta importanza al taglio delle finestre. A suo avviso, infatti, tante case moderne hanno «fori per la luce», ma non finestre che arredano l'interno. Scelse, quindi, un appartamento posto all'ultimo piano di un edificio inizio secolo, con alte finestre e soffitti con altezza a m.4,50.
Da qui nacque la possibilità di sfruttare lo spazio in modo diverso.
In particolare, la creazione di un accogliente soppalco-studio, che si affaccia sul soggiorno a doppia altezza, fa da centro a tutto il resto della casa

Cosa vogliamo fare?

Molte sono le ragioni per le quali si decide di «fare dei lavori di ristrutturazione in casa» ed è molto importante sapere fin dall'inizio cosa fare e quali potranno essere la difficoltà.
 
Considereremo tre tipi di interventi, molto diversi tra loro sia come impegno economico e di tempo, che come risultati.

Il primo è un cambiamento in superficie. Si tratta di sostituire qualche mobile, di rinnovare
la tappezzeria o le tende, di aggiungere una nota di colore diverso a una struttura che resta immutata. Anche in questo tipo di intervento, che potremmo definire di normale manutenzione, è importante tenere sempre presente la totalità della casa, avendo cura di fare delle scelte armonizzate tra di loro, a livello generale. Alcuni esempi di come la finitura diversa cambi l'ambiente:

- porta e parete di ingresso foderate in sughero: è un modo per trasformare in elemento decorativo il susseguirsi delle porte. La fascia in legno che gira lungo tutto l'ambiente ad altezza delle porte, crea una linea continua tra il sughero ed il rivestimento a spruzzo delle pareti e collega visivamente il tutto.

- La fascia in colore per allargare l'ambiente. Una nota diversa, in legno o in colore, che corre lungo tutto il perimetro della stanza, rende l'ambiente più largo. Usando due toni di grigio e azzurro per la fascia che riprende i colori dell'attiguo soggiorno si dà un tocco particolare a una sala da pranzo raffinata. I toni di grigio e di azzurro sono anche ripresi dal bordino delle tende a vetro dell'ampia finestra.

- Una parete dell'ingresso o del soggiorno tinteggiata con lo spatolato veneziano, che continua anche sul soffitto, caratterizza l'ambiente con un tocco di classe e dà un carattere più raccolto all'insieme.

Il secondo è un intervento che va più in profondità e nel quale si sostituiscono alcuni pavimenti, si rinnovano i bagni, si eseguono lavori per risolvere eventuali problemi di umidità (come l'umidità di risalita ad esempio), si cambia la destinazione di qualche locale etc..
Si è, però, ancora portati a tralasciare la visione coordinata delle varie esigenze e delle possibili relazioni tra tutti gli ambienti e non si interviene sulla distribuzione generale della casa.
Essendo un intervento già di una certa entità da un punto di vista di spesa, è importante conoscere al massimo le possibilità di miglioramento che ne possono derivare.
E, infatti, sgradevole scoprire, a lavoro finito, che si poteva fare meglio, solo conoscendo certe soluzioni tecniche che non sempre il singolo rivenditore comunica, perché non è suo interesse trattare quel materiale, quel tipo di sanitari, quella serie di mobili.

Una ristrutturazione totale
Un'analisi cioè di quali siano, oggi, le nostre esigenze, per troovare le soluzioni possibili in relazione alla disponibilità di spazio ed economica.

La differenza, il limite tra gli ultimi due tipi di intervento è più mentale che economica. Dipende, infatti, da noi decidere se vogliamo solo un rinnovo estetico o se la nostra famiglia ha avuto delle trasformazioni per la quali è bene trovare soluzioni nuove e più appropriate nella suddivisione degli spazi.

E, quindi, molto importante rendersi conto di cosa si vuole fare, per poter sfruttare al massimo le possibilità del lavoro che stiamo per iniziare. Praticamente, qualsiasi sia il tipo di lavori che ci proponiamo di realizzare è utile porsi prima due ordini di domande:
•          Come viviamo?
•          Come vorremmo vivere?


Blueconsultants.it è un blog italiano gratuito, REGISTRATI GRATUITAMENTE!