Obiettivo Nikon 58 f/1.4
Obiettivo Nikon 58 f/1.4

Testato per voi: Nikon 58 f/1.4

Quando Nikon ha annunciato la commercializzazione di un Noct hanno cominciato a tremarmi i polsi. Questa nuova lente è l’erede designata dello storico 58 f/1.2 venduto per vent’anni dalla casa giallo-nera. Uno degli obiettivi meglio riusciti e dal valore tecnico tanto rilevante che il suo prezzo è andato crescendo, contro le comuni logiche di mercato e dell’obsolescenza. Sto ovviamente parlando dell’AF-S Nikon 58 mm f/1.4 G.

Non appena ve ne è stata la possibilità, ho chiesto a Nital di provare il nuovo 58 f/1.4, perché per esperienza so che, nel mio lavoro di ritratto non ho soddisfazione né dall’uso del 50 f/1.4 né dall’incredibile 85 della stessa serie: uno troppo corto e propenso a deformare i lineamenti, l’altro troppo lungo e quindi non versatile per l’uso che amo. Chiedendo di provarlo in un momento preciso dell’anno ho potuto - sommando festività annuali con giorni festivi normali - provarlo per oltre una settimana. Devo dire che - quando l’ho dovuto rendere al servizio professionisti Nikon (NPS) ha lasciato un vuoto incolmabile. Almeno nel mio portafogli.

Il Nikon 58 f/1.4 non si voleva proprio staccare dalla mia reflex. L’ingente spesa economica (qualcosa oltre i 1600 euro) è compensata solo dalla resa ottica impagabile. La lunghezza focale in rapporto alla grande apertura disponibile regala uno sfuocato morbidissimo, mantenendo una grande nitidezza sul piano di messa a fuoco. L’utilizzo in studio, a diaframmi medi garantisce una profondità di campo adeguata per ritrarre serenamente una famiglia, senza scendere a compromessi con il bokeh e la resa morbida degli incarnati.

In esterni, i risultati non sono da meno, soprattutto in condizioni di luce difficili, ed è possibile avere soggetti nitidi - se non troppo vicini - anche alla massima apertura, in condizioni di illuminazione ridotta. I tecnici della casa Giapponese hanno costruito un miracolo in 9 lenti e 9 lamelle di diaframma. Si tratta di un obiettivo imponente, sulla macchina fotografica, con una lente frontale di 72 mm, che assieme ad altre ‘prime lens’ vanno a formare il corredo essenziale, al quale i nostri genitori erano tanto affezionati: la logica non cambia, e la qualità semplifica la vita ai professionisti. A cura di:


Blueconsultants.it è un blog italiano gratuito, REGISTRATI GRATUITAMENTE!